Reversible Destiny

Sono partito dal libro di De Grey “La fine dell’Invecchiamento: Come la scienza potrà esaudire il sogno dell’Eterna Giovinezza”, manifesto della eterna lotta contro l’invecchiamento, dove si teorizza ed auspica la fine della morte e cercavo di immaginare nel campo architettonico come potesse essere trasportato il concetto.

È così che ho scoperto Shusaku Arakawa e Madeline Gins, architetti e progettisti anomali, con costruzioni reali e realizzate, ma profondamente utopisti, nell’accezione più alta del termine.

Più di trent’anni addietro creano la “fondazione del destino reversibile”, che coinvolge specialisti di tutte le discipline, da esperti in biologia molecolare alle neuroscienze, esperti in fisica quantistica e filosofia per piegare la morte al proprio volere.

Le loro case sono “ scomode”, perché teorizzano che la comodità porta all’abitudine ed all’apatia, la stagnazione e l’impigrimento sono il nemico da combattere, e per cui i pavimenti non sono in piano, le porte sono di altezze varie, un attentato all’equilibrio insomma.

Purtroppo la loro battaglia contro la morte l’hanno persa, ma rimane in piedi la struttura teorica che hanno realizzato nell’arco di più di trent’anni.

Il link porta al sito della loro fondazione:

http://www.reversibledestiny.org

Il link seguente invece porta a D Editore, dove è possibile acquistare La Fine dell’Invecchiamento:

La Fine dell’Invecchiamento

Annunci

Josh Schweitzer

L’architetto Josh Schweitzer era, in estrema sintesi, un architetto californiano, e ciò ha un significato particolare.

La tradizione che seguiva era quella di una architettura di libertà, dove lo spazio limitrofo alla architettura diventa esso stesso parte della composizione, ed anzi, l’architettura ne è complementare.

Ho scritto “era” non perché ci abbia lasciati, anzi, ma ha cambiato radicalmente la sua vita, nel suo ritiro in un lotto di un quartiere anonimo di Los Angeles adopera il suo tempo a dipingere.

Ho una stima indicibile per questo “ex architetto”, ed il motivo è molto personale: attraverso la sua Monument House ho intrapreso un viaggio di scoperta dell’architettura radicale, che ha poi segnato tutta la mia ricerca.

Schweitzer non è certo un architetto sperimentale, ma quella casa, costruita nel “Joshua Tree National Park“ è stata per me visione illuminante.

Era il 1991, in Italia si parlava di Aldo Rossi, di Gregotti e di tutti gli emuli, intendo dire che nelle riviste si vedevano quasi esclusivamente file di aperture quadrate e/o rettangolari infilate con assoluto rigore.

Sulla copertina di un numero dell’ARCA appare invece questa strana abitazione, con finestre ed aperture inusuali, immersa nei colori caldi del deserto, che a me, allora studente, sembravano scardinare molti dei principi che l’università tentava di “installare” in noi giovani.

In quel periodo stavo preparando Disegno e Rilievo con il prof. Purini, facevamo uno studio sui morfemi, la mia ricerca in particolare era rivolta alla possibilità di trasporre il piano della rappresentazione nella realtà. Ero incastrato nella logica Borrominiana della favolosa Galleria Spada, dove la prospettiva viene usata per ingannare l’occhio, e volevo trovare una maniera contemporanea per ripetere quel principio.

La Monument House mi ha dato lo spunto attraverso le aperture che la facevano sembrare una assonometria realizzata.

Quando portai all’esame i miei disegni tutti acquerellati, con uno studio incredibile (per me) sulla rappresentazione, il prof. Purini mi liquidò chiedendomi come mai mi piacesse così tanto Eisenman, ovviamente non capii subito di cosa parlasse, perché non conoscevo ancora ne Eisenman ne il decostruttivismo.

Ero arrivato alla House X di Eisenman per altre vie, fu il complimento più grande che mi fece un professore all’università, anche se il prof. Purini non se ne rese conto.

Da quel momento approfondii i decostruttivisti, e tante altre cose, ma devo tanto a quella casa costruita nel deserto dall’architetto Josh Schweitzer.

Wall Games di Lebbeus Woods

Ha sempre visto lungo Lebbeus Woods, ed anche in questo saggio del 2004 ci da una lezione su come affrontare i muri mentali (e non) che ci stiamo costruendo attorno.Buona lettura!


Israele, come ogni stato sovrano, ha un diritto inalienabile di difendersi, ma non con qualsiasi mezzo. Se continua a beffarsi del diritto internazionale, come sta facendo, continuando la costruzione del Muro, si trasforma in uno stato rinnegato, al di fuori della legge e della sua tutela.

lwblog-wallx1b

Quantunque Israele abbia il potere di farla franca per il momento, questo fatto alla fine, gli si ritorcerà contro, in maniera del tutto imprevedibile per ora, nonostante l’appoggio degli Stati Uniti e la tacita minaccia delle proprie armi nucleari. I rinnegati alla fine rimangono isolati, così come stanno imparando gli USA, dalle proprie azioni unilaterali e “preventive”, l’isolamento, in ultima analisi, minaccia la sopravvivenza di ogni nazione in un mondo del tutto interdipendente.Lo sfoggio di potere, anche delle nazione più forte, è vano, al punto che le nazioni più deboli, per gelosia o vendetta, possono, con uno sforzo concertato, divenire superiori.

È nell’interesse di Israele fermare la costruzione del Muro, dare un segno, comunicare che vuole essere parte della comunità internazionale e che è disposta a rispettare il diritto internazionale.Nel giudicare la sua posizione, Israele dovrebbe ricordare che le pareti costruite per tenere fuori gli altri, alla fine, imprigionano quelli all’interno.

Continuando la costruzione del Muro, Israele sta creando, in una distorsione storica grottesca, il più grande ghetto della storia, separando e isolando il proprio popolo dal mondo a cui la propria sopravvivenza, e quella dello Stato ebraico, dipende. Ma questo non è necessariamente un caso. C’è ancora tempo.

Il Muro non è ancora completato. Al momento, solo un quarto della sua estensione prevista è effettivamente costruita. Il resto pesa come se esistesse già, ma non è ancora terminato.

Permettetemi di essere ottimista e immaginare che i poteri che dominano Israele, siano portati a fermare la costruzione del Muro. Lo spazio per lo scambio, già tendente verso Israele dallo squilibrio di potere esistente, rimarrà aperto.

Cosa succederebbe alle parti già costruite del Muro? Molti vorranno abbatterle, è comprensibile.

È un brutto simbolo, sia per molti israeliani che per la maggior parte dei palestinesi.

Certamente le porzioni terminate dovrebbero essere abbattute per rendere la linea di confine più permeabile, in maniera di rendere ai palestinesi l’accesso ai loro campi ed ai posti di lavoro diretto ed assicurao. Ma alcune sezioni del Muro potrebbero rimanere in piedi. Se sono ancora in piedi come artefatti autonomi, in un paesaggio ancora diviso e di negoziazione, potrebbero servire a qualche utile scopo.

Uno di questi potrebbe essere il Wall Game.

Il Wall Game utilizza alcuni tratti di muro come campo da gioco a due lati. I palestinesi controllano un lato, gli israeliani l’altro. Ogni lato ha un team di costruttori, architetti, artisti e performer, che fanno una costruzione sul loro lato del Muro, usandolo come supporto unico. In altre parole, le nuove costruzioni non possono in alcun modo poggiare direttamente sul terreno, ma soltanto sulla parete. Si tratta di costruzioni a sbalzo. Come tali, la costruzione su un lato deve essere controbilanciata dalla costruzione sull’altro, altrimenti il Muro cadrà da un lato o dall’altro, ed il gioco sarà finito.

È un gioco che funziona solo se ci sono due lati opposti.

Un lato non può giocare da solo, o come una forza strutturale sbilancerà il Muro e lo porterà verso il basso molto rapidamente. In una partita a senso unico non si fanno punti, cioè, nessun vincitore. Il punto nel gioco lo si ottiene tenendo su il Muro.

Ci sono tre livelli di vittoria. Il primo livello è quello di mantenere il gioco attivo. In questo senso, entrambi le parti vincono quando giocano contro il muro stesso e la complessa serie di forze che esso attiva. Non vi è alcun limite di tempo per il gioco. Termina solo quando una parte vince sull’altra (secondo livello) o quando entrambi perdono.

Per capire come una parte possa vincere sull’altra, è necessario chiarire qualcosa in più sulla natura delle costruzione.

Si può presumere che ogni squadra avrà un differente metodo di costruzione. Materiali diversi, configurazione diversa, diverso metodo. Questo perché le diverse squadre rappresentano diverse culture, religioni, storie ed aspirazioni. Anche se entrambe le squadre dovessero produrre costruzioni simili, potrebbero vincere solo sul primo livello, perché per vincere al secondo livello, una squadra dovrebbe convertire l’altra. La conversione di una costruzione si verifica quando il suo sistema di ordine, cioè il suo sistema di riferimento spaziale viene trasformato nel sistema di ordine del lato opposto.

Questo si verifica durante periodi di tempo predeterminati, cioè quando la costruzione è lasciata aperta a infiltrazioni attraverso la parete. Durante questi periodi, la squadra avversaria può costruire all’interno della varco lasciato aperto.

Non tutti i tentativi di convertire le costruzioni opposte avrà successo.

Se una costruzione lasciata aperta per un tentativo di conversione è sintatticamente chiara e forte, il tentativo di conversione dovrà essere ancora più chiaro, più forte, e soprattutto più succinto per riordinare il sistema aperto di spazio e forma nel tempo consentito.

Il terzo livello di vittoria è il più difficile da raggiungere.

Si verifica soltanto quando entrambe le costruzioni sono convertite, e non secondo il sistema di una parte o dell’altra, ma quando viene creato un nuovo sistema di ordine.

A questo livello, entrambe le parti vincono, perché trascendono, insieme, i loro antichi stati di opposizione, ed entrano in uno più complesso, uno stato polivalente.

Risultante dalla fusione dei precedenti sistemi, un ibrido definito dai due sistemi precedenti.

Si incontrano tra di loro non come contendenti, ma come co-abitanti di una nuova condizione spaziale a cui hanno contribuito entrambi, e su cui devono entrambi lavorare non solo per mantenerlo ma anche per evolverlo ulteriormente.

Il Wall Game è chiaramente progettato per coinvolgere una nuova generazione di giocatori, sia palestinesi chee israeliani, che non solo vedono i vecchi giochi come distruttivi ed autodistruttivi, ma che vogliono creare modalità nuove e più produttive della concorrenza che possono portare a nuove forme di cooperazione.

Dato che è solo un gioco, vincere e perdere assumono nuovi significati.

Come in ogni gioco, c’è sempre la prossima volta per recuperare orgoglio e prestigio, e, quindi, l’imperativo è imparare non solo dal fallimento, ma anche dal successo.

La squadra vincente in ogni singolo gioco può essere certa che la volta successiva, il lato opposto avrà imparato non solo le loro tecniche, ma anche messo a punto nuove tattiche.

Né la vittoria né la sconfitta sono mai definitive. E ci potrebbe essere uno spin-off.

Certamente ci sarà lo sviluppo di nuove tecnologie, basate su computer che sovrintendono lo svolgimento del Wall Game.

Si dovrà monitorare le sollecitazioni nella parete, che è anche il campo da gioco, dando ad entrambe le parti le informazioni di cui hanno bisogno per continuare la costruzione, per giudicare il successo o il fallimento di un tentativo di conversione,computer pre-programmati per essere il più obiettivi possibile, saranno basati su un software che potrebbe portare ad una nuova dimensione di pensiero etico.

Dopo tutto, in questa situazione, che cosa significa ‘obiettivo’?

Persino i più acerrimi avversari quando imparano a suonare assieme gli diviene difficile uccidersi a vicenda.

È istruttivo considerare l’impatto che ebbero per la cessazione delle ostilità, le famose partite di Ping- Pong tra Cina e Stati Uniti negli anni Settanta (come la guerra di Corea); o il ruolo delle-Olimpiadi e il rifiuto degli Stati Uniti di giocare a Mosca nel 1980 – nel ravvicinamento tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti negli anni ottanta. Si può sostenere che questi giochi sono stati solo un segno che i lati opposti erano pronti a collaborare più apertamente e che i giochi avevano solo valore simbolico, ma ciò non sminuisce l’importanza dei giochi come metodo di approccio.

Come lo storico culturale Johan Huizinga ha scritto in Homo Ludens “il Gioco è un atto di adattamento unico, non subordinato a qualche altro atto, ma con una funzione speciale proprio nell’esperienza umana”

Questa è una intuizione i cui vantaggi possono, ancora una volta, essere a portata di mano.

Lebbeus Woods (ottobre 2004)

Nota: Dal momento in cui questo pezzo è stato completato, la costruzione del muro è continuata, con il risultato che ora è per circa tre quarti completo.

Pezzo Originale: https://lebbeuswoods.wordpress.com/2009/11/09/wall-games/