Summer Architecture

Il valore minimo in architettura è dato dall’edificio singolo.

Possiamo immaginare la città come un testo mai finito, in continua evoluzione, ed ogni edificio che viene inserito all’interno di tale paesaggio, è rappresentato da una parola, per comprendere il significato di tutto il testo è necessaria una visione globale, ma ogni parola, come ogni edificio, ha un significato e questo significato ha valore in se, anche se isolata una parola assume il valore minimo per cui è stata creata, così come ogni edificio ha valore in se, anche senza contesto riesce a trasmettere il valore minimo per cui è stato creato…

segue su: Summer Architecture

Ancora su Guerra e Architettura

10090_558174894203727_242477581_n

In occasione della seconda edizione di “Guerra & Architettura”, Deleyva Editore, vuole lasciare un tributo all’architetto americano.

L’11 aprile 2013, alle ore 17:00, si terrà una conferenza presso l’aula fiorentino di Valle Giulia.

Saranno presenti:

Massimiliano Ercolani;
Barbara Martusciello;
Franco Purini;
Fabio Quici;
Donatella Scatena.

Introducono:

Emmanuele Jonathan Pilia;
Emidio J. Battipaglia.

INFO:

orario: 17:00 – 19:00
Location: Facoltà di Architettura, La Sapienza, Sede Valle Giulia
Aula Fiorentino
Via Gramsci 53

eMail: service@deleyvaeditore.com
tel: +39 320 80 36 613

…solo un paio di foto

STRING CITY/FOLDER TOWN

Nuovo scritto per Folder Town, un parallelismo con la Teoria M, un ampliamento del testo relativo a: Multiverse.

Lo trovate: https://dokclab.wordpress.com/writings/string-cityfolder-town/

 

Transarchitettura

Quinta Next-Con embedded nei DelosDays
Quest’anno il meeting del Connettivismo si svolge all’interno di DelosDays2011, la grande convention della letteratura fantastica. A Milano, dal 2 al 5 giugno quattro pomeriggi e quattro notti.

Venerdì 3 giugno 2011
ore 14 Transarchitettura_NeXT, dibattito sul futuro che s’intreccia con la nuova architettura e col postumanismo, con Emmanuele “Peja” Pilia, Francesco “Xabaras” Verso, Massimiliano Ercolani, Luca Guido, Sandro “zoon” Battisti e Fabio Fornasari.